Cedimento muscolare nell’Heavy Duty di Mike Mentzer

Cedimento muscolare nell’Heavy Duty, video a cura di Enrico Dell’olio. Il cedimento muscolare è uno dei fattori essenziali per la buona riuscita di un allenamento HIT

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
seminario biochimica alimenti

Enrico Dell'olio durante un seminario alla HITA

Come capire il concetto di cedimento muscolare contemplato nell’Heavy Duty di Mike Mentzer. Sembrerebbe una cosa semplice, tuttavia è assai più complessa di quello che ci dovremmo aspettare, Enrico Dell’olio ce lo spiega.

corso operatore fitness e cedimento muscolare
Enrico Dell’olio docente

Il cedimento muscolare è uno dei fattori più importanti da considerare nell’allenamento ad alta intensità, infatti è proprio grazie al cedimento muscolare che si riesce a stimolare un muscolo sufficientemente per innescarne il riadattamento ovvero per aumentare la massa muscolare.

Questo concetto è essenziale e cardine per innescare i processi di crescita, e diventa sostanziale negli allenamenti ad alta intensità. Per cedimento negli allenamenti HIT intendiamo il raggiungimento del momento della serie nel quale non è possibile completare un’altra ripetizione attraverso un’esecuzione controllata, ovvero evitando quegli slanci così noti nel mondo del bodybuilding, chiamati nel complesso “cheating”.

E’ dunque importante ribadire ancora una volta come il peso sia il mezzo e non il fine dell’allenamento, ne consegue che, una volta raggiunto il cedimento, non è meglio proseguire utilizzando altri muscoli e slanci pericolosi, ma è sufficiente interrompere la serie o eventualmente farsi aiutare da un compagno di allenamento per completare una o due ulteriori ripetizioni forzate con una esecuzione impeccabile.

Una volta raggiunto il momentaneo cedimento muscolare, non dovrebbe essere necessario eseguire una seconda serie sull’esercizio appena affrontato in quanto, avendolo raggiunto, le fibre muscolari sono state stimolate a sufficienza per innescare i processi di crescita muscolare nelle ore successive.

E’ importante chiarire che il momentaneo cedimento muscolare non è solo una condizione fisica, ma soprattutto mentale, è infatti la mente che ci permette di continuare fino al punto in cui non è possibile andare oltre, in effetti, nella maggior parte dei casi, si cede prima di “testa” che di muscolo.

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 thoughts on “Cedimento muscolare nell’Heavy Duty di Mike Mentzer

  1. Per chi non può disporre di uno spotter come può raggiungere il cedimento senza forzate e negative? Potrebbe essere usato la tecnica di rest-pause aggiungendo altre ripetizioni dopo il cedimento concentrico dopo una breve pausa?

    1. La tecnica di Rest-Pause è una metodica HIT a se stante nell’HD. Per chi si allena da solo non c’è assolutamente problema ad arrivare al momentaneo cedimento muscolare, quello che chiaramente non potrà fare saranno le forzate con uno spotter, è tuttavia possibile usare il Cheating nell’ultima ripetizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.