Smetti di cercare scorciatoie in palestra e a tavola

Smetti di cercare scorciatoie in palestra e a tavola

Se vuoi costruire un corpo più forte e atletico non perdere tempo a cercare un modo facile e/o veloce in palestra o a tavola, perché non c’è.

I risultati derivanti dall’esercizio fisico saranno sempre proporzionali all’impegno che ci metti. Se i tuoi allenamenti sono leggeri, se richiedono un impegno minimo, produrranno pochissimi risultati. Questo perché un allenamento che risulti facile viola il principio fondamentale dell’esercizio fisico: il principio di sovraccarico.

Se un allenamento non “sovraccarica” il sistema, se non richiede al tuo corpo di fare qualcosa che non è abituato a fare, scordati che possa crescere, dal momento che non gli hai dato un motivo valido per farlo.

Per dirla in un altro modo, il tuo corpo si adatta alle esigenze che gli imponi.

Se vuoi costruire un corpo più forte, più muscoloso, più efficiente, un corpo capace di fare cose che prima non riuscivi a fare, devi chiedergli di fare quelle cose (logico no…).

Non esiste l’allenamento facile

In realtà, non esiste un “allenamento facile” perché allenarsi con l’obiettivo di avere risultati è difficile per definizione.

Secondo il ricercatore della Nautilus Fitness Equipment e fondatore di SuperSlow® Ken Hutchins, l’esercizio è “un processo attraverso il quale il corpo svolge un lavoro pesante, in accordo con la biomeccanica muscolare e articolare, all’interno di un ambiente clinicamente controllato, entro i limiti della sicurezza, caricando significativamente le strutture muscolari con l’obiettivo di migliorarne i livelli di forza e stimolarne la crescita, il tutto impiegando il minor tempo possibile…”

Lo scopo dell’esercizio fisico in palestra è quindi quello di stimolare l’organismo ad incrementare forza e dimensioni muscolari, così come tutti gli altri fattori allenabili: capacità funzionale, condizionamento cardiovascolare e metabolico, forza ossea e del tessuto connettivo, flessibilità, ecc..

Senza un lavoro duro non ci sono stimoli e quindi non possiamo parlare di esercizio fisico.

Se vuoi ottenere dei risultati devi accettare il fatto che dovrai impegnarti seriamente. Questo significa eseguire ogni esercizio oltre il punto di disagio. Invece di smettere idealmente dovresti arrivare fino al punto in cui non sei più fisicamente in grado di continuare usando la forma corretta di movimento.

Muscoli in fiamme

Se alla fine di un esercizio i tuoi muscoli non si sentono in fiamme, il tuo cuore non batte forte e non stai respirando pesantemente, non stai lavorando abbastanza duramente.

Se alla fine del tuo allenamento in palestra non ti senti esausto, non stai lavorando abbastanza duramente.

Tuttavia, va precisato che non sempre qualcosa che è impegnativo può essere anche considerato come un buon allenamento. Oltre a richiedere un’intensità di lavoro adeguata è necessario impostare l’allenamento in modo da ridurre al minimo l’usura ed il rischio di lesioni.

Ci sono tanti esercizi molto impegnativi, così come programmi di lavoro estremamente dannosi per le articolazioni che rappresentano un rischio significativo di lesioni. Questi protocolli, a mio parere, non possono essere considerati come buon allenamento.

Mentre allenarsi con questi metodi può sicuramente essere efficace per stimolare miglioramenti nella forma fisica e nell’aspetto a breve termine, va anche considerato come tutto questo venga spesso fatto a spese della salute e della mobilità articolare a lungo termine e, a mio parere, dovrebbe essere evitato se l’esercizio fisico viene anche pensato in termini Anti aging.

Quindi, allenati duramente, ma in sicurezza.

Non ci sono segreti per perdere peso

Lo stesso vale per i programmi di perdita di peso.

Non ci sono modi veloci o semplici per perdere una grande quantità di grasso corporeo. Così come non esistono attività divertenti e semplici che ti permettano di “bruciare” abbastanza calorie da indurre una forte perdita di grasso.

Non ci sono segreti che ti permetteranno di perdere grasso senza creare un deficit calorico significativo. Il che significa ridurre la quantità di cibo e/o la tipologia (una caloria in nutrizione non sempre è una caloria).

Mangiare meno non è qualcosa che la maggior parte delle persone in sovrappeso tende a fare abitualmente, cambiare le abitudini alimentari spesso richiede una notevole disciplina e sforzo.

Devi strutturare i tuoi pasti in modo da soddisfare le tue esigenze caloriche e pianificare l’acquisto di generi alimentari in relazione ai tuoi reali obiettivi. Inoltre, devi pesare e misurare tutto ciò che mangi o, in alternativa, stare molto attento alle dimensioni delle porzioni che usi. Ma anche rinunciare a certi cibi o imparare a mangiarli con moderazione. Infine, devi imparare a mangiare consapevolmente anziché come se non ci fosse un domani.

La regola del: “mangia un po’ di tutto, ma senza esagerare”, non solo rivela una totale ignoranza della scienza dell’alimentazione, ma può essere assai dannosa.

Devi rimodellare la tua dieta in modo da implementare le giuste abitudini alimentari necessarie a dimagrire in salute e mantenerti magro.

Niente scorciatoie, solo duro lavoro

Se sei disposto ad impegnarti duramente per raggiungere questi obiettivi in modo coerente e perseverare per tutto il tempo necessario, potresti rimanere sorpreso dalla quantità di muscoli che puoi costruire e contemporaneamente dalla quantità di grasso che puoi perdere.

Tuttavia, se non sei disposto a lavorare sodo per questi obiettivi, se ti aspetti che sia facile o veloce e continui ad evitare l’impegno insito nel percorso, non otterrai nulla e continuerai ad essere deluso…, deluso della tua incoerenza.

In conclusione, smetti di cercare scorciatoie e inizia a lavorare sodo.

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.