Non ci riuscì, ma poteva diventarlo… Intervista a Mike Mentzer dopo il Mr.Olympia 1980

Intervista Mike Mentzer dopo essere stato sconfitto da Arnold Schwarzenegger

Intervista Mike Mentzer dopo essere stato sconfitto da Arnold Schwarzenegger

I culturisti iniziarono a capire che anche loro potevano avere una vita propria fuori dalla palestra.

Comunque, la vita di Mike sia fuori che dentro le palestre cambiò radicalmente dopo il 1980 quando perse il Mr. Olympia contro uno Schwarzenegger, alquanto lontano dalla perfezione fisica, a Sidney, in Australia. Mike si sentì derubato e non cercò in nessun modo di nascondere i suoi sentimenti.

Intervista Mike Mentzer dopo essere stato sconfitto da Arnold Schwarzenegger
Mike Mentzer in allenamento

Ci sono persone che pensano che Mike sia ancora ossessionato da quella gara, che sia ossessionato anche dagli insegnamenti di Ayn Rand e che la sua teoria di allenamento sia incomprensibile per la maggior parte delle persone.

Abbiamo chiesto a Mike di mettere fine a questi rumors una volta per tutte:

D: Ciao Mike. Come stai? Perché non ci racconti cosa stai facendo ora e come sta andando la tua carriera?

MM: C’è una sola valida teoria per quanto riguarda la scienza dell’esercizio e molto di quanto è stato detto a riguardo è stato formulato da persone senza nessun bagaglio culturale di tipo filosofico, logico e scientifico. Per questo motivo, tornando alla gara del 1980 dove l’opposto della persona randiana, Arnold Schwarzenegger, accettò la corona del Mr. Olympia quando ogni uomo, donna e bambino esistente (si, l’ho chiesto proprio a tutti singolarmente, tranne ad un tizio che non voleva rispondere alle mie domande), pensava che dovessi essere io il vincitore. Siamo in grado di mandare un uomo sulla luna, ma quando c’è da riconoscere il vero vincitore di quel contest l’umanità ha arrestato il suo sviluppo.

D: Grande! Ascolta, molte persone sono ancora interessate all’allenamento in stile Heavy Duty e al concetto di “una serie al cedimento”. Per queste persone che non hanno potuto godere dei tuoi suggerimenti negli anni ’70, puoi chiarire questo concetto e la tua provocatoria teoria di allenamento?

MM: Tornando al 1980, appena prima del Mr. Olympia, ero in una forma smagliante; ero l’idea romantica e spirituale di essere umano. Ricordi forse il sonetto scritto da Karen Carpenter? (Che, casualmente, era una classica sovrallenata) Dove scrive “Nel giorno in cui sei nato, gli angeli si sono radunati e hanno deciso di creare un sogno, così gettarono della polvere di luna nei tuoi capelli, e la-de-da-de-da-da-da-da-da?” Bene, io ero quell’individuo sul quale gli angeli avevano gettato quella polvere extraterrestre! Mi sono allenato con l’intensità di un toro scatenato che aveva appena sentito il suo mentore, Ayn Rand, essere attaccato da altri tori e altri animali da fattoria in generale. Mi ero, facendola  breve, allenato al cedimento!

D: Mike, sembri piuttosto ossessionato da quel Mr.Olympia..?

MM:Una serie, una serie al cedimento!! Una volta ebbi una relazione con una ragazza. Una stoccata pelvica! Ecco tutto. Lei si rifiutava di avere un orgasmo, ma era solo per via delle sue limitate capacità intellettuali. Una volta mi stavo mangiando una coscia di tacchino nel giorno del ringraziamento. Ho inserito l’intera coscia (che proveniva da un tacchino cronicamente sovrallenato) nella mia bocca, masticai una volta e sputai. Ora, questo avvenne prima di teorizzare il concetto di “una serie al cedimento”, e la coscia finì direttamente in gola e fu espulsa vigorosamente solo quando mio fratello Ray eseguì la manovra di Heimlich. Non importa se la coscia di tacchino distrusse la maggior parte della collezione di oggetti cinesi di Joe Weider, questa esperienza rinforzò le mie idee riguardo alla validità dell’allenamento Heavy Duty.

D: Perchè non parliamo ancora un po’?

MM: Guarda, te lo dimostrerò: Einstein dimostrò la teoria della relatività, giusto? Bene, capito ciò, se mia sorella avesse una casa ad Albany con dei bambini (che sono abitualmente sovrallenati, non credi?) e lei rifiutasse di prestare dei soldi anche se lui le promettesse di restituirglieli una volta che il mondo lo avesse riconosciuto come un vero leader intellettuale, e questo fratello era stato derubato del titolo di Mr. Olympia del 1980, diventa chiaro giusto? Adesso, visto che la quasi totalità dei body builder sono fermi intellettualmente, non potrai capirlo credo, quindi non continuare ad essere polemico con me. Ora, possiamo costruire un tostapane che tosta il pane fino al punto in cui diventa del colore del sedere di Halle Barry, quindi perché non riusciamo a capire che c’è solo un’unica valida teoria per la scienza dell’esercizio?

D: Mike, devo andare, davvero. Necessito di tornare sulla terra.

MM: Si, è vero che ammiro Ayn Rand, ma sono davvero scoraggiato visto che non risponde alla mie mail e alle mie telefonate. Si, è morta da 16 anni, ma mi sembra che sia una scusa per ignorare qualcuno che è al pari del suo intelletto. I miei bicipiti sono considerevolmente grossi, ma sospetto che lei, a dispetto della sua inestimabile intelligenza, era cronicamente sovrallenata. Si, si, siamo in grado di costruire uno di quei simpatici aggeggi che danno la scossa quando stringi la mano a qualcuno, ma sembra apparentemente che l’umanità non sia in grado di accettare l’allenamento Heavy Duty. Tornando a Sidney, nel 1980, loro non erano in grado di accettare ancora che l’uomo è un essere eroico il cui obiettivo morale più alto è quello di raggiungere la felicità, l’attività più nobile della quale è il lavoro produttivo e il massimo per ottenerla è usare la ragione. Per questo motivo, non mi riposerò finché non ribalterò tutti i letti dei giudici di gara che presero quella decisione così irrazionale.

D: Grazie per il tempo concesso Mike, Devo scappare. Sei davvero il migliore!

Condividi con gli amici:
  • 179
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.