Semplicemente dì di no all’aerobica

Domanda: Sto pensando di inserire una sessione aerobica in aggiunta agli allenamenti per la forza che mi aiuti a scendere fino al 7% di grasso corporeo. Pensi sia il miglior approccio per raggiungere questo obiettivo? Risposta: No, assolutamente no. Specialmente se sei interessato ad allenarti per la forza e ad incrementare i carichi. Ci sono

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Semplicemente dì di no all'aerobica

Domanda: Sto pensando di inserire una sessione aerobica in aggiunta agli allenamenti per la forza che mi aiuti a scendere fino al 7% di grasso corporeo. Pensi sia il miglior approccio per raggiungere questo obiettivo?

Risposta: No, assolutamente no. Specialmente se sei interessato ad allenarti per la forza e ad incrementare i carichi. Ci sono una valanga di studi che mostrano come l’aerobica interferisca con lo sviluppo della forza, in particolare quando stai cercando la potenza pura (forza rapida). In altre parole, l’allenamento aerobico è più controproducente per un sollevatore olimpico o per un atleta che gareggia nel lancio del peso rispetto ad un powerlifter. Il nome powerlifter è un controsenso visto che in realtà egli esprime la forza in maniera molto lenta.

I tuoi risultati saranno danneggiati dall’allenamento aerobico? “Danneggiati” sarebbe una parola troppo forte. Adattamento “fanatico” sarebbe un modo migliore per descrivere il fenomeno.

Ricerche eseguite in Finlandia, Australia e Canada hanno mostrato che allenamenti di resistenza prolungati rendono le fibre bianche molto simili

Semplicemente dì di no all'aerobica

Attività aerobiche in generale o aerobica per dimagrire?

a quelle rosse come proprietà di contrazione. Sembra anche che gli adattamenti neurali siano influenzati dalle basse velocità di contrazione che, ancora una volta, riducono la potenza delle fibre a contrazione lenta. Ciò che accade durante allenamenti aerobici prolungati è che il cervello riassetta i pattern neuromuscolari per ripetizioni ritmiche invece di rimanere settato per quelle balistiche richieste nel powerlifting. Ecco perchè eseguire allenamenti aerobici per la parte superiore del corpo peggiora la tua capacità massima di salto in alto.

Altre critiche possono scaturire dall’eseguire contemporaneamente allenamenti aerobici e allenamenti per la forza. Una di queste è che occorrono aminoacidi sia per recuperare da allenamenti aerobici sia per recuperare da quelli per la forza. Se esegui entrambi, il recupero ottimale è sicuramente compromesso, visto che alcuni aminoacidi che dovevano essere utilizzati per la sintesi di proteine contrattili vengono invece usati per gli adattamenti biologici associati all’allenamento aerobico.

Inoltre l’allenamento aerobico è associato con un incremento della produzione di cortisolo, che è un ormone catabolico per sua natura ed è collegato all’aumento di grasso addominale. Ogni volta che aumenti la produzione di cortisolo, stai sottraendo al corpo una parte di pregnelonone, un ormone precursore del testoterone, che si ricava al pathway del DHEA, che decrementa ulteriormente lo status anabolico del tuo corpo. In più, stare seduto su una cyclette è pericoloso per i testicoli a causa della pressione che vi è su di essi e il calore.

Una delle prime cose che un cliente fa quando entra in un Poliquin Performance Center è eseguire una serie di semplici test salivali per 16 ormoni. Accade sempre che coloro con bassi valori di DHEA e valori di cortisolo alti sono coloro che eseguono più aerobica. Geneticamente siamo predisposti per lanciare pietre contro i conigli, non per correre dietro a loro tutto il giorno.

Allora come si può fare a dimagrire eseguendo allenamenti per la forza? Con una dieta corretta e i giusti integratori. I consigli più rapidi che fornisco solitamente sono i seguenti:

  • Elimina tutti i carboidrati di cui l’uomo preistorico non poteva usufruire. In altre parole, se non sei sicuro su un dato alimento, chiediti questo: Un cavernicolo avrebbe potuto aver accesso a questo alimento? Ad esempio: pane? No. Ciambelle? No. Pasta? Nemmeno. Frutta? Si.
  • Assumi 15 grammi di olio di pesce di alta qualità al giorno. L’olio di pesce attiva i geni lipolitici e disattiva quelli lipogenici, e migliora la sensibilità insulinica. Secondo me l’olio di pesce è il miglior integratore per perdere grasso e può anche aiutare la sintesi proteica.
  • Assumi integratori che aumentino la sensibilità insulinica. Ad esempio taurina o fieno greco. Migliore sarà la tua sensibilità insulinica, più grasso consumerai e più muscolo riuscirai a costruire. Dieta e integrazione, non allenamento aerobico supplementare, sono la chiave per dimagrire continuando ad allenarsi per la forza.

(Charles Poliquin – articolo tratto dalla rivista “IRON MAN”)

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *