Tutto sul Testosterone nell’uomo e nella donna

Tutto sul Testosterone nell’uomo e nella donna

Potresti pensare che una terapia sostitutiva a base di testosterone sia qualcosa adatta ad un anziano.

La realtà invece è assai diversa. Tantissimi, per differenti ragioni, oggi possono beneficiare della terapia sostitutiva ormonale a base di testosterone ad un certo punto della propria vita.

Un uomo, una volta superata la prima metà dei quarant’anni, ha buone probabilità che i suoi livelli di questo importantissimo ormone siano scesi abbastanza in basso da farlo entrare in una condizione patologica non sempre facilmente identificabile.

Il testosterone non serve solo per cercare di aumentare la massa muscolare e migliorare le prestazioni a letto.

Bassi livelli di testosterone influenzano la memoria, la densità ossea, la salute del cuore, il metabolismo del colesterolo e dei grassi in generale, la glicemia, l’umore, il sonno, la reattività e l’energia fisica/mentale in generale…,e queste sono solo alcune delle cose che fa questo ormone.

Molti, soprattutto negli USA, hanno denominano bassi livelli di testosterone come la “sindrome da vecchio irritabile”. Il film “Grumpy Old Men” è appunto la parodia di cosa succede quando si invecchia ed il testosterone si abbassa sotto i livelli di guardia.

E’ di moda la credenza che usare testosterone nelle donne determini virilizzazione, mentre negli uomini induca rabbia, acne e problemi sessuali.

Questo è vero quando se ne abusa.

La terapia sostitutiva del testosterone sotto controllo medico (bisogna riuscire a trovarne uno molto bravo, i pacchetti standard, ahimè funzionano spesso male) è completamente diversa da ciò che succede quando si usa questo ormone in campo sportivo allo scopo di migliorare la performance atletica o la composizione corporea.

Quando lo terapia è ben strutturata, rientrare nei parametri di normalità aiuta a dimagrire, recuperare massa muscolare, mantenere la normale funzione sessuale, etc.
Il testosterone se usato negli intervalli fisiologici rende l’umore più stabile, più felici e più calmi.

Secondo uno studio condotto su 83.000 uomini anziani sottoposti a terapia sostitutiva con testosterone, rientrare nei normali parametri riduce il rischio di morte per tutte le cause.

QUALI SONO I SEGNALI CHE DEFINISCONO UNA CARENZA DI TESTOSTERONE?

Molte persone con bassI livelli di testosterone potrebbero sentirsi stanche e demotivate. Difficilmente gli penserebbe per la testa che questi sintomi siano correlati ad una carenza di testosterone. Ecco perché la faccenda andrebbe discussa con il proprio medico.

Se ti senti stanco e necessiti andare a letto prima, se sessualmente non sei più prestante e preferisci la partita di calcio alla tua compagna, se hai dolori diffusi e pensi che sia normale perché stai invecchiando, non sempre è così e sarebbe bene dare un’occhiata ai tuoi livelli di testosterone.

Potresti non avere alcun sintomo evidente, potresti averne uno o due o l’intero elenco qui di seguito:

SEGNI DI BASSO TESTOSTERONE NEGLI UOMINI

  • Aumento di peso
  • Ginecomastia
  • Disfunzione erettile
  • Diminuzione del desiderio sessuale
  • Cambiamenti nel numero di spermatozoi o infertilità
  • Fatica
  • Difficoltà a concentrarsi, cervello nebbioso
  • Problemi di memoria
  • Riduzione della forza e della massa muscolare
  • Depressione, ansia
  • Dolori
  • Cambiamenti della densità ossea
  • Cambiamenti nei marker di rischio di malattie cardiovascolari
  • Svogliatezza, diminuzione della motivazione
  • Rabbia, agitazione, irritabilità

SEGNI DI BASSO TESTOSTERONE NELLE DONNE

  • Aumento di peso
  • Fatica
  • Riduzione di forza, resistenza, tono muscolare
  • Pelle secca
  • Rapporti dolorosi
  • Diminuzione o assenza di desiderio sessuale
  • Perdita del tono muscolare di braccia e gambe
  • Difficoltà a concentrarsi, cervello nebbioso
  • Problemi di memoria
  • Depressione, ansia
  • Svogliatezza, diminuzione della motivazione
  • Cambiamenti della densità ossea

Va precisato che questi sono sintomi comuni in molte altre condizioni. Ecco perché è fondamentale l’intervento di uno specialista che possa valutare correttamente la tua situazione.

FUNZIONA LA TERAPIA SOSTITUTIVA?

Alcune cose migliorano velocemente come ad esempio la qualità del sonno, la libido, la vitalità, la positività, la voglia di intraprendere e fare nuove cose, tutto ciò in genere si manifesta già nelle prime settimane di somministrazione.

Ci sono altre cose che invece non si sentono subito, ad esempio non ti accorgi che le ossa diventano più forti o dell’attacco di cuore che stavi rischiando, ma anche se questi cambiamenti non sono così palesi come quelli precedentemente descritti, credimi che stanno avvenendo.

Le donne notano un’enorme differenza con solo una piccola percentuale della dose assunta dagli uomini.

Più comunemente le donne riferiscono che introdurre piccoli quantitativi di testosterone ha donato loro maggior vitalità, non solo in camera da letto, ma nella vita in generale.

In realtà le cose non misurabili sono generalmente quelle che impattano di più sulla nostra vita, come i cambiamenti positivi di umore, la motivazione, la concentrazione e altro.

Soprattutto quando si attraversa la peri-menopausa e/o la menopausa e i cambiamenti ormonali influenzano gran parte della vita quotidiana, il testosterone può aiutare le donne a sentirsi di nuovo se stesse.

CONCLUSIONE

Da quanto riportato in questo breve articolo (ci sarebbe stato molto altro da scrivere, tuttavia la mia intenzione era quella di iniziare a far riflettere sull’argomento) dovrebbe essere chiaro a tutti, uomini e donne, che in caso di bassi livelli di testosterone questo ormone andrebbe integrato, esattamente come faremmo se non producessimo abbastanza insulina o la nostra tiroide non funzionasse.

Ci sono ancora molte, troppe paure e leggende in circolazione, anche tra la classe medica, che hanno reso questo ormone un ormone di serie B, forse per l’uso estensivo che se ne fa nello sport professionistico e/o per il progressivo e feroce attacco alla mascolinità che nella nostra società occidentale va avanti ormai da più di vent’anni. È noto ormai che le classi dominanti vogliano uomini sempre più effemminati e donne sempre più mascolinizzate.

Comunque, al di la delle cause, dati scientifici alla mano, l’uso del testosterone in dosi fisiologiche in persone con carenza conclamata o sintomatica pare non solo essere sicuro, ma in molti casi auspicabile se l’obiettivo è quello di vivere una vita piena e non semplicemente sopravvivere.

La prossima volta che farete degli esami del sangue includete anche i vostri livelli di testosterone totale, testosterone libero e SHBG in modo da avere un quadro completo della vostra situazione.

Ricordo inoltre che molte volte bassi livelli di testosterone sono da attribuirsi in primis al nostro stile di vita (alimentazione, poco sonno, carenza di nutrienti, intossicazioni, uso di plastiche, etc.).

Prima di entrare in una terapia sostitutiva sarebbe bene provare a cambiare il nostro stile di vita come descritto nel mio ultimo libro sull’Anti Aging Elisir.

Solo se le cose non migliorano, continuando a mantenere uno stile di vita corretto (questa è la base su cui costruire), si dovrebbe iniziare a pensare alla terapia sostitutiva.

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.