Volume Nell’allenamento Heavy Duty di Mike Mentzer

Il volume di allenamento è uno dei parametri chiave da controllare nel nostro allenamento in palestra. Scopriamo di più sul volume di allenamento con questo video.

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
seminario di biochimica degli alimenti

Enrico Dell’olio illustra il concetto di Volume in allenamento nell’ Heavy Duty, parametro fondamentale per applicare correttamente la metodica di Mike Mentzer.

Sappiamo che il volume di allenamento è uno dei parametri fondamentali da controllare e monitorare in un allenamento, specialmente quando si tratta di allenamento ad alta intensità (nella fattispecie Heavy Duty).

Seminario su Heavy Duty e Zone Training, parlando di Volume in allenamento

Enrico Dell’olio relatore ad un corso HITA sul Volume in allenamento con Heavy Duty e Protocollo Ibrido HD/ZT

Il volume di allenamento deve essere stabilito in funzione della frequenza e dell’intensità di allenamento, oltre che dal tempo di recupero tra un allenamento ed il successivo. E’ proprio questo che rende complicata la gestione dei workout ad alta intensità. Ciò richiede una certa fatica e dedizione, ma una volta compresi i principi chiave di questo tipo di allenamenti, si potranno ottenere i risultati tanto sperati in termini di aumento della massa muscolare e della forza.

Per volume di allenamento nell’allenamento ad alta intensità intendiamo un la quantità di lavoro totale (numero di serie, ripetizioni e carichi utilizzati durante un intero allenamento). Questo parametro normalmente è inversamente proporzionale all’intensità, ovvero più un allenamento è intenso e minor quantità di lavoro (volume) verrà eseguita. Non è possibile, per farla breve, allenarsi a lungo e in maniera intensa.

In linea generale, 3-5 serie per i muscoli grossi (quadricipiti, pettorali, dorsali ecc..) e 2-4 per i muscoli piccoli (bicipiti-tricipiti, deltoidi posteriori) sono sufficienti per indurre uno stimolo sufficiente a causare un riadattamento e conseguente crescita muscolare (se l’alimentazione di supporto è strutturata nella maniera corretta). Possiamo comunque “giocare” con il volume di allenamento: arrivati ad esempio ad un punto di stallo con gli allenamenti HIT, effettuare due settimane incrementando il volume di lavoro può essere uno stimolo interessante per creare un nuovo tipo di stress sui muscoli allenati e per rompere gli schemi a cui il muscolo e l’organismo intero si erano ormai abituati. Come vedi l’allenamento ad alta intensità non esclude del tutto l’allenamento ad alto volume.

Per approfondire vi consiglio il video qui di seguito.

 

 

Condividi con gli amici:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.